Cosa facciamo

El Salvador

Casa N.P.H.: Casa “Sagrada Familia” a Texistepeque — Santa Ana

Lingua: Spagnolo

Bambini accolti: circa 280

 

GUARDA IL VIDEO DELLA CASA NPH EL SALVADOR

 

El Salvador è un paese in via di sviluppo, che ancora risente della guerra civile durata 12 anni e terminata negli anni '90. Sebbene si stia aprendo al commercio e al turismo, le condizioni generali sono ancora di estrema povertà e il tasso di violenza è molto alto.

 

Nelle baraccopoli intorno alla sua capitale, San Salvador, la mortalità infantile è molto elevata. Le malattie come AIDS e tubercolosi mietono vittime, lasciando orfani completamente abbandonati o affidati a un familiare che non è in grado di provvedere loro.

 

Le strutture N.P.H.

Nel giugno 1999 Nuestros Pequeños Hermanos ha aperto una casa di accoglienza nella città di Santa Ana in un edificio preso in affitto. Nel 2004 la Casa è stato trasferita in una nuova struttura “Ciudadela Sagrada Familia” (zona di Texistepeque), che oggi ospita circa 300 bambini e ragazzi. La struttura è fornita di una piccola clinica, un refettorio, spazi e giardini per il gioco, una biblioteca, una stanza computer e una cappella per la Messa.

I bambini sono divisi a seconda del sesso e dell’età in 6 casette. Sempre all’interno della Ciudadela sono presenti un asilo, una scuola primaria e una scuola secondaria, oltre a diversi laboratori per la formazione dei ragazzi più grandi: falegnameria, ferramenta, panetteria, confezionamento di vestiti.

Nella Casa si organizzano una serie di attività, tra cui canto e danza. Il coro e il gruppo di ballo della Ciudadela Sagrada Familia hanno dimostrato notevole talento e spesso vengono chiamati a fare spettacoli in giro per il Paese.

 

Lo spirito delle Case N.P.H.

L’obiettivo degli educatori è insegnare ai bambini orfani e abbandonati a diventare cittadini responsabili, capaci di condividere ciò che ricevono e a collaborare tra loro come fratelli.A ognuno vengono affidati compiti quotidiani: tutti fanno turni per le pulizie, in cucina, nei magazzini e assistono i più piccoli. Ricevono amore e sicurezza, ma imparano anche che non sono i soli ad aver sofferto e che, quindi, a loro volta possono dare amore. Periodicamente vengono organizzate visite alle carceri minorili, agli ospedali, agli ospizi per anziani, dove i bambini e i ragazzi cantano, ballano o semplicemente cercano di fare compagnia.

 

ADOTTA UN BAMBINO A DISTANZA! Clicca qui per avere tutte le informazioni

 

 

 

 

 

 


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy