Notizie

Team 48, il volontario Alberto in prima linea nel soccorso al barcone carico di migranti, molti morti asfissiati in stiva, arrivato nel Mediterraneo nei giorno scorsi

 

Il Dott. Alberto, ginecologo e volontario della Fondazione Francesca Rava, da qualche giorno è a bordo di Nave Cigala Fulgosi della Marina Militare e il 15 agosto scorso, data dell'ultima terribile strage di migranti nel Mediterraneo, è stato impegnato in prima persona nel soccorso ai profughi. Il volontario sanitario ha purtroppo dovuto constatare anche la morte di molti di loro durante la traversata.

 

Alberto è già stato volontario della Missione Mare Nostrum nel settembre 2014.

 

"E' stata una giornata faticosa. Il contatto con i barconi c'è stato alle 6 di mattina: un barcone con circa 300 migranti a bordo.

Appena iniziate le operazioni di recupero, sono stato impegnato con un ragazzo in arresto cardiocircolatorio. Ho tentato di rianimarlo ma aveva già trisma e non riuscivo ad aprire la bocca per inserire la cannula di Mayo; ho dovuto poi constatare il decesso di altre 30 persone, tutti più o meno di  20 anni.

L’impegno che le Donne e gli Uomini della Marina Militare e i Volontari della Fondazione Francesca Rava stanno portando avanti da quasi due anni per contenere questo olocausto, non c’è altro termine per definirlo, rappresenta il meglio della professionalità e dell’umanità che il nostro Paese sa offrire. Non dobbiamo “abituarci” a questi morti, a questi numeri: una donna che aveva appena visto il marito morto portato in un sacco nero, piangendo mi ha detto “pourquoi?” La risposta a questa domanda è un mistero. Però chi come noi che grazie alla fortuna, il fato o un disegno è nato in un paese libero e non in guerra ha il dovere di interrogare la propria coscienza con la propria sensibilità.

Non importa l’entità della risposta, l’importante è che nella quotidianità scontata del nostro vivere queste notizie non ci lascino totalmente e cinicamente indifferenti e non si dimentichino il giorno dopo. L’indifferenza e la non conoscenza, infatti, sono i mali più grandi."

Alberto

 

Continuate ad aiutarci per il sostegno di questa operazione umanitaria, è possibile donare con causale “Emergenza Lampedusa”

— con bonifico IT 39 G 03062 34210 000000760000

— con carta di credito qui

— chiamando lo 02.54122917

Canale Notizie - 18-08-2015 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy