Notizie

Terremoto Haiti, la testimonianza di Vilnord, sopravvissuto al sisma e curato all'Ospedale St Luke

 

Vilnord ha 23 anni, proviene da una famiglia di 8 figli del sud di Haiti, di Camperin. E' sopravvissuto alle violente scosse dello scorso 14 agosto e che hanno messo ancora una volta in ginocchio il Paese. Ferito sotto le macerie, è stato salvato all'Ospedale St Luke.

 

Ero a un funerale nella chiesa di Sainte Famille a Camperin quando il terremoto ci ha colpiti. Chi l'avrebbe detto? Eravamo una cinquantina di persone che si erano radunate per salutare una giovane ragazza morta. Alle 8:30 abbiamo avvertito le scosse e la chiesa è caduta su di noi.

La natura ha deciso di non lasciare andare la ragazza da sola; venti persone non hanno nemmeno avuto il tempo di andare in ospedale e sono morte sul colpo. Io ero con le altre quindici rimaste ferite e portate in ospedale.

 

Mio fratello maggiore, che era nel cortile della chiesa, è subito venuto a tirarmi fuori da sotto le macerie per portarmi in ospedale. Tutti e tre gli ospedali che abbiamo provato a raggiungere erano pieni. Non c'era posto da nessuna parte ma alla fine mi hanno accolto all'ospedale Cité Lumière nella città di Les Cayes, dove ho trascorso quasi due settimane nella sofferenza. Purtroppo il mio caso richiedeva un chirurgo specialista, quindi sono stato trasferito all'ospedale St Luke.

 

Sono stato ricoverato il 26 agosto e dopo 5 giorni sono stato operato. La mia famiglia non aveva i mezzi per pagare questo costoso intervento chirurgico ma il St Luke si è fatto carico di tutto.

Prima di tutto questo non ero fiducioso e particolarmente credente ma ora ringrazio Dio e tutta l'équipe dell’Ospedale St Luke. Oggi sto iniziando a riprendermi, mi sento meglio e sono stato dimesso.

 

Se sto vivendo ora, è la volontà di Dio, motivo per cui mi sento più determinato a servirlo. Colgo l'occasione per incoraggiare tutte le vittime come me, coloro che stanno soffrendo in un modo o nell'altro per l'ultimo terremoto. Vi auguro coraggio, forza e una buona ripresa!!

 

Grazie a tutto il team dell'ospedale St Luke, vi sono molto grato!!"

 

Ad Haiti continuano instancabili i soccorsi. Il nostro team medico ha assistito oltre 6000 feriti, molti bambini. L'ospedale St. Luc  ha ricevuto oltre 40 pazienti gravi e quotidianamente inviamo ambulanze e camion carichi di forniture (medicine, medicazioni, flebo per la reidratazione, acqua, viveri) agli ospedali e alle cliniche di Jeremy e Les Cayes.

Inoltre abbiamo iniziato la costruzione di 600 tetti per gli sfollati a Rendel, Morne Blanche (Nippes) e Aquin, e più a larga scala il nostro impegno è ridare una casa alle famiglie dei bambini che frequentano le nostre scuole nel dipartimento di Grand Anse.

Dopo un primo cargo spedito dall'Italia con gli aiuti (medicinali, strumentazioni mediche, beni di prima necessità etc), stiamo ora preparando un secondo invio in collaborazione con le Istituzioni Italiane.

 

Per donare clicca qui

 

Canale Notizie - 07-09-2021 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy