Notizie

Il Cavallo senza cavaliere. Da Haiti la lettera di Padre Rick

Cari famigliari e amici,

era l’anno 1963. Il nome del cavallo era Black Jack.

Anche per un bambino di 10 anni (come ero io), era allo stesso tempo commovente e preoccupante vedere un cavallo senza cavaliere seguire la bara del presidente John Kennedy, con un passo impettito, ma non facilmente controllabile.

Il cavallo con la sella vuota è un antico simbolo di struggente assenza:

Il cavallo senza padrone, la nazione senza leader, il corpo senza anima.

 

Stiamo vivendo dei giorni dolorosi e pericolosi dopo la brutale uccisione del presidente haitiano Jovenel Moise. Il cavallo non ha cavaliere e non sa dove voltarsi.

 

La scossa di assestamento che tutti aspettavamo con grande terrore non si è verificata: rappresaglie, sfondamento delle carceri, sommosse e saccheggi, l'occupazione di questure e uffici governativi da parte delle bande. Questo è un sollievo, ma ancora nessuno sa cosa accadrà.

 

La violenza che ha ucciso il Presidente è quello che vivono da molti anni i cittadini haitiani. Abbiamo raccolto tanti morti, innumerevoli feriti sono stati portati d'urgenza al nostro ospedale nel corso degli anni. Questo pathos, anche se non abbiamo ancora subito alcun attacco diretto, guida il nostro lavoro e la nostra preghiera.

 

Il regno del terrore ora ha raggiunto anche la residenza del Presidente, nel modo più odioso.

L'ultima angoscia del Presidente mentre moriva è da compatire e la brutalità va totalmente condannata.

Ma anche la morte delle innumerevoli vittime, anonime o note, in questi anni, dovrebbe suscitare rabbia in tutto il mondo e non cadere nell'ombra (come successo fino ad ora).

 

Anche se non c'è stata una reazione violenta diffusa alla morte del presidente Moise, il solito elenco di problemi persiste: l'ultima ondata di COVID, migliaia di rifugiati scappati dagli attacchi delle bande nei loro quartieri, fame e insicurezza alimentare, un'economia disastrosa, disoccupazione e livelli crescenti di frustrazione, l'avanzata delle bande che prendono il controllo del paese, l'inefficacia del Governo.

 

In relazione all'avanzata delle bande, i famigerati 400 Marozo (che di recente hanno fatto notizia internazionale rapendo 10 sacerdoti, suore e membri della Chiesa), ora hanno circondato la nostra zona a Tabarre. Hanno preso il controllo di Croix des Bouquets e Torcelle. Alcuni dei loro "soldati" hanno 11 anni, con pistole grandi quanto loro.

 

Per dare un'idea dell'insicurezza che si vive, ieri io e la nostra squadra abbiamo attraversato il temuto tratto di strada che attraversa Martissant. Ecco cosa abbiamo visto: una piena di fango e spazzatura, strade dissestate e affondate, edifici pieni di proiettili a destra e a sinistra, strade vuote, uomini armati nell'ombra, granate di veicoli bruciati sulla strada, un cadavere senza testa in decomposizione.

 

Tutto questo è l'esatto contrario del benessere e della dignità a cui tutte le persone aspirano, l'esatto contrario del sogno di Dio per l'umanità: la vita, la vita piena, la vita sempre.

E’ barbarie, è l’inferno.

 

Chiunque ad Haiti rabbrividisce davanti a questo nome: Martissant

 

Abbiamo portato alcune suore anziane che erano state sotto le nostre cure per il COVID, al loro convento a Riviere Froide. Delle quattro suore che sono venute da noi, due sono morte in poche ore. Due si sono fortunatamente riprese. Volevamo anche recuperare un'altra suora che due giorni prima era caduta e si era rotta un braccio gravemente, per permetterle le giuste cure ortopediche nel nostro ospedale di Tabarre.

 

La vita deve andare avanti. La bontà deve procedere, imperterrita, dinanzi al male.

E puoi credermi che la bontà è vissuta qui ogni giorno, nei modi più eroici, dalla stragrande maggioranza del popolo haitiano. Vorrei che fosse una notizia da prima pagina.

 

Qualcuno mi ha chiesto perché, tanti haitiani usciti dal loro paese hanno avuto successo e dato contributi notevoli nei paesi in cui si sono stabiliti, non possono fare lo stesso ad Haiti.

 

La risposta è semplice. Non ci sono condizioni di parità ad Haiti.

 

Tutte le opportunità sono condizionate e le condizioni sono spesso illegali, degradanti e pericolose. I leader politici hanno un'influenza sfrenata, e questa influenza è molto spesso egoista.

 

Nelle democrazie funzionanti dove si sono stabiliti gli haitiani, le responsabilità e punizioni sono incorporate nelle leggi e nei codici civili. Con il duro lavoro e il sacrificio, anche dopo alcune cicatrici di battaglia dovute a razzismo, discriminazione o abuso sessuale, abuso di potere e altre piaghe sociali, le persone possono evolversi e avanzare.

 

Sia i Dieci Comandamenti che le Carte Federaliste, il primo un progetto per la civiltà giudaico-cristiana e il secondo un progetto per la democrazia americana, hanno come premessa il pericolo della sfrenata volontà umana.

 

Questo pessimismo realistico sulla natura umana consente agli architetti del corpo-politico di allestire l'impalcatura sociopolitica per contenerlo. Ecco un modo migliore per esprimerlo:

"Il tratto più identificativo della nostra umanità è la nostra capacità di essere inumani".

Possiamo iniziare con buona volontà, e poi degeneriamo e marciamo nel cuore e nell'anima:

“Il cuore è più ingannevole di tutto il resto

Ed è disperatamente malato; Chi può capirlo? (Geremia 17:9)"

 

Coloro che sono diventati malati d'anima, e poi violenti e barbari, senza mostrare nemmeno una traccia di misericordia, sono spesso chiamati in creolo "po moun". Hanno la pelle umana ma nient'altro è umano in loro.

Gesù usò parole simili, e molto duramente, su come l'aspetto imbiancato dei farisei coprisse un cimitero interno in decomposizione.

 

Veniamo ora ad un punto essenziale.

L'anima, centro stesso dell'umanità, della dignità e della comunione con Dio, può essere sminuita, distrutta, o congedarsi.

Lo confermano le Sacre Scritture di molte tradizioni religiose.

Non vi è alcuna garanzia di un'anima continua. Né tua né mia.

L'anima deve essere coltivata, perché prospera in certi modi di vivere e soffoca in altri.

Sappiamo come l'anima viene a noi: Michelangelo l'ha immaginata al meglio, con il tocco delle dita, da Dio a Adamo.

Sappiamo come l'anima si anima e si fortifica, come si vede nella discesa dello Spirito Santo sugli apostoli, o nelle visioni apocalittiche di san Giovanni.

 

Ma quando sai quando l'anima si congeda e ci lascia ai nostri istinti animali? — o peggio ancora, a influenze demoniache dove il comportamento è Satanicamente crudele e odioso?

A che punto diventiamo un cavallo senza cavaliere?

Forse questo è qualcosa in cui tutti dobbiamo diventare bravi e anche molto velocemente.

 

Il declino dei poteri e la malattia dell'anima, richiedono così tanta attenzione nel nostro mondo moderno e le giuste capacità spirituali per affrontarlo.

 

Scegliamo continuamente la vita rispetto alla morte, come Dio ci ha insegnato? Agiamo per sacrificio, bontà e riconciliazione, nonostante le nostre paure, di fronte a ciò che è davvero, davvero male?

Solo tu puoi rispondere per te stesso, solo io posso rispondere per me stesso, ma entrambi possiamo incoraggiare i giovani e i perduti a fare lo stesso.

 

Ho notato, durante questi anni nel trattare con le cosche, che per ogni cento membri, circa novanta seguono solo l'unico capo della città, e lo fanno per necessità. Ma preferirebbero, se potessero, vivere in modo pulito ed essere un orgoglio e non una vergogna per le loro madri e le loro famiglie. Se potessero scegliere un altro modo pratico di vivere e un leader che li conduca al loro bene e non al loro male, lo seguirebbero.

Dei restanti 10%, l'8% sono banderuole, possono essere influenzati verso il bene o verso il male, o avanti e indietro, a seconda di molte cose, inclusi i loro livelli di alcol o droghe.

I restanti 2% sono "po moun". " Nessuna luce nei loro occhi a cui agganciarsi, se ne sono andati.

 

In questo periodo di famigerate notizie false, sono rimasto stupito di trovare una lettera falsa di Paul Kagame, presidente del Ruanda, scritto ai giovani di Haiti.

Immagina, notizie false con un grande messaggio. Imparando dal disastroso genocidio e dalla guerra civile del suo stesso paese e contro la sua stessa razza, e volendo evitare la somalianizzazione di Haiti, cerca di aiutare i giovani a vedere che sono pedine abbastanza sacrificabili, nelle mani dei mediatori dei grandi affari di odio.

Sì, l'odio è enormemente redditizio. A cominciare dalle pistole e, ancora di più, dai proiettili.

I leader "po moun" di questo enorme affare di odio hanno bisogno delle frustrazioni e della fame del soldato di 11 anni, per aumentare i loro profitti.

In questa lettera, di falsa origine, l'autore usa potenti esempi di vita reale per cercare di aiutare i giovani a cercare la pace, a sentire il valore interiore e a rifiutarsi di essere i carnefici degli odiatori.

Scegliamo il bene e il giusto, sempre, con coraggio. Non siamo impavidi (è impossibile e imprudente), ma nemmeno paralizzati dalla paura.

Scegliere di fare il bene oggi è cibo per l'anima, e il suo rafforzamento.

Ci lamentiamo quando una persona sembra senza cuore, quando una comunità sembra aver perso la sua anima, o peggio ancora, quando sembra che l'anima di una nazione si stia allontanando.

Ma possiamo mantenere la terra dell'anima. Semplicemente rimanendo brave persone. È così semplice e così difficile.

Preghiamo per la famiglia del presidente Moise, e per tutto il popolo haitiano che ha dovuto bere dal calice più amaro della violenza.

Siamo fiduciosi che le persone di buona volontà (e sono molte) saranno benedette da Dio in tutti gli sforzi verso la riconciliazione nazionale e un futuro di pace.

Padre Rick Frechette CP DO Port au Prince

Luglio, 2021

 

Canale Notizie - 21-07-2021 - Segnala a un amico


© 2000-2011 Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus
Informativa sulla privacy